dal venerdì alla domenica 17-20
Vai a tutte le mostre

Spazi. Fotografie di Luca Lupi

17 Maggio 2014 - 02 Giugno 2014

Se tentassimo di nominare ciò che le fotografie di Luca Lupi  rappresentano, l’elenco si aprirebbe e chiuderebbe molto velocemente: nuvole, mare, cielo, montagne, costa, uccelli in volo, neve, alberi, saette, città, muri.

 Talvolta i titoli aiutano a ridefinire i confini geografici, identificare i luoghi. Ridarci il conforto del “dove”. Ma poi, guardandole, si ha l’impressione che le questioni di tempo e di spazio si misurino non attraverso la superficie dell’immagine e la sua messa in sequenza rispetto ad un prima ed a un dopo geografico, piuttosto rispetto ad una profondità e alla tridimensionalità che costruisce spazio e tempo. E che la durata si appoggi sui molteplici particolari che vengono messi in evidenza: la spuma, la superficie vellutata delle onde, le tipologie delle nuvole, delle foglie. La quantità dà spesso un senso di aleatorietà: gli stormi degli uccelli, i fiocchi di neve.
La sequenza talora si allarga in una messa in relazione con un prima e un dopo di cui si danno le coordinate temporali: l’immagine si stratifica in un dato tempo. Il tempo di un’onda, di una saetta. Sequenze registrabili ma inafferrabili. Tracce di accadimenti. In una cornice (che è per prima cosa il taglio dell’immagine) nulla accade. Ma questo nulla contemporaneamente è frutto di e genera memoria in virtù di un’ambiguità di fondo: essa può riguardare il tempo dell’accadimento, lo spazio generato da eventi transitori (come la luce fa emergere spigoli e costruisce superfici), la sovrapposizione della linea di mare e di cielo, nubi che, a ben guardare, sembrano onde, onde che paiono cieli. E, per via di avvicinamenti e allontanamenti progressivi, negano concretezza a cose concrete (le città, le coste), e la attribuiscono a quelle meno concrete. Colgono case e palazzi attraverso
cortine, godono della indefinitezza di paesaggi nebbiosi, rendono nitidi soggetti indefiniti proiettando le cose e gli eventi in una dimensione archetipica che rende possibile, per noi, il farli propri e attraverso di loro sperimentare tempi e spazi soggettivi.
Ilaria Mariotti

  • Data: 17 Maggio 2014 - 02 Giugno 2014
  • Posizione:Museo di Fucecchio
  • Curatori:Ilaria Mariotti
  • Durata:60 Minutes (approximately)

© 2021. Città di Fucecchio –  P.IVA e CF 01252100480 
CreditiPrivacy Policy